Torna a www.veratour.it

Il Kenya e la sua storia

5
Gen
2015
Il Kenya e la sua storia

L’Africa è un continente vasto e affascinante, in grado di attrarre ogni anno milioni di turisti in preda a quello che viene detto “mal d’Africa”, ovvero l’irresistibile desiderio di tornare a respirare le sue atmosfere uniche ritrovando il contatto diretto con una natura primordiale e magnifica.

Tra le destinazioni più gettonate c’è il Kenya, un paese davvero incredibile dove scoprirai paesaggi meravigliosi tra altopiani, cime innevate, spiagge da cartolina, mare cristallino, savane, deserti e una barriera corallina ricca di vita. In Kenya potrai vedere da vicino gli animali selvaggi nel loro ambiente naturale e vivere l’avventura esaltante di un safari fotografico tra di essi accompagnato da guide esperte e indigeni ospitali e simpaticissimi.

La storia del Kenya risale al 12esimo secolo, quando gli arabi fondarono le prime città lungo la costa e iniziarono a commerciare con le varie tribù autoctone. Fu proprio l’incontro tra le culture indigene e quella araba a far nascere la cultura swahili, che presenta due elementi fondamentali: la lingua kiswahili e la religione islamica. I più numerosi erano gli agricoltori Kĩkũyũ, una delle etnie appartenenti al gruppo Bantu, talmente potenti che la loro supremazia non fu mai minacciata dai Masai, come invece tradizione popolare vorrebbe far credere. Sembrerebbe che furono gli agricoltori Kamba a utilizzare le storie sulla presunta ferocia dei Masai per mantenere il ruolo di mediatori commerciali per tutti coloro che volevano intrattenere commerci tra la costa e i territori più interni.

Anche i portoghesi arrivarono ad insediarsi lungo alcune località costiere ma alla fine i sultani omaniti di Zanzibar presero il loro posto. Intorno alla fine del 19esimo secolo il Kenya divenne colonia britannica e la presenza europea divenne più massiccia. Iniziò quindi un’opera agricola di piantagione dei fertili altopiani interni ai danni degli indigeni che vi abitavano e che vennero scacciati con la forza. Per poter controllare gli indigeni, la corona britannica scelse il principio del “divide et impera” che venne applicato in tute le colonie del continente: i Kĩkũyũ vennero utilizzati come mano d’opera nelle nuove fattorie, i Kamba vennero reclutati come soldati nell’esercito e i Luya divennero domestici e artigiani. Ancora oggi sono visibili gli effetti di questa suddivisione etnica nella società keniota.

Per l’indipendenza, il paese dovette aspettare fino al 1963, quando le elezioni videro trionfare Jomo Kenyatta, che promosse una politica moderata e filoccidentale, realizzando importanti riforme economiche e politiche che permisero la modernizzazione e l’industrializzazione del paese, gettando le basi per quello che è il Kenya odierno.

Scegliendo una vacanza in Kenya, troverai pronto ad accoglierti il Veraclub Crystal Bay Atmosphera Collection, dove uno staff di professionisti della vacanza si prenderà cura di ogni tua esigenza offrendoti tutti i servizi e i comfort riservati a chi viaggia Veratour. Nella cornice della spiaggia di Watamu, nel cuore del Parco Nazionale, troverai il tuo angolo di paradiso dove dimenticare tutte le ansie e lo stress della vita moderna.

Inizia subito a preparare le valigie: con Veratour il Kenya è una realtà a portata di mano da vivere come protagonista!

Apri gli occhi e sogna!

Lascia un Commento