Open main menu
Open main menu
Home magazine Giappone, cultura e curiosità

Viaggio in Giappone: tradizioni, cultura e curiosità

Estremo Oriente - Giappone - 28.05.2021

Il codice d'onore degli antichi guerrieri e il suicidio rituale, le locande tradizionali e le stazioni termali, ateismo e sincretismo religioso: impossibile resistere al fascino della cultura e delle tradizioni giapponesi

Contenuti


Il Bushido: l'antico codice d'onore dei samurai

Bushido significa “via del guerriero” (bushi = guerriero, do = via). È il codice di comportamento che i samurai si dettero per disciplinare la loro casta guerriera, simile al concetto romano del “Mos Maiorum”. In esso sono raccolte, oltre le norme di disciplina militare, anche quelle morali che presero forma in Giappone durante gli shogunati di Kamakura (1185-1333) e Ashikaga (1336-1573).

Il Bushido venne stilato da Tsuramoto Tashiro, che raccolse le regole scritte dal monaco-samurai Yamamoto Tsunemoto (1659-1719) nel famoso testo Hagakure “all’ombra delle foglie”. Ispirato alle dottrine del buddhismo e del confucianesimo adattate alla casta dei guerrieri, il Bushido si fonda su sette concetti fondamentali, ai quali ogni samurai doveva scrupolosamente attenersi:

  1. Gi: Onestà e Giustizia
  2. Yu: Eroico Coraggio
  3. Jin: Compassione
  4. Rei: Gentile Cortesia
  5. Makoto: Completa Sincerità
  6. Meiyo: Onore
  7. Chugi: Dovere e Lealtà
I 7 concetti dovevano essere perseguiti fino alla morte. Il venir meno a questi princìpi causava il disonore del guerriero, che espiava la propria colpa commettendo il “seppuku”, il suicidio rituale.
 

I Ryokan e la tradizionale ospitalità giapponese

L’esperienza dei ryokan, raffinate locande, ha il fascino della tradizione e soggiornandovi vi sembrerà di fare un salto nel passato. Le camere hanno un arredamento essenziale, sono definite da pareti di carta di riso e porte scorrevoli (shōji), il pavimento è coperto da tatami in paglia, e la notte si dorme su futon stesi a terra.

I ryokan sono luoghi di completo relax, dove si viene accolti dai padroni di casa in abiti tradizionali: gli uomini in yukata, le donne in kimono. Alcuni ryokan dispongono di splendidi giardini interni dove spesso si effettua la cerimonia del tè. Molti altri dispongono di “onsen” (continua a leggere per scoprire cosa sono...).

Nei ryokan viene servita la classica cena “kaiseki”, una vera e propria esperienza gastronomica ed estetica. La cena è composta da tante piccole portate offerte in ciotole di lacca o di ceramica, un insieme armonico di piatti tipici (una zuppa, un sashimi, un cibo grigliato, uno al vapore, ecc.), cucinati con ingredienti del luogo e di stagione.  


Onsen: le stazioni termali

Sinonimo di benessere, le stazioni termali (Onsen) sono l’antidoto contro lo stress dei giapponesi. Il Giappone è un paese altamente sismico e vulcanico, per questo motivo sono moltissime le aree termali di acqua calda. Le sorgenti termali, coperte (notenburo), oppure all’aperto (rotenburo), sono presenti in tutte le regioni dell’arcipelago, sulle montagne e lungo le coste, ai piedi del Monte Fuji fino alle campagne più remote.

Il rito del bagno in famiglia, in coppia o con gli amici, è un momento essenziale di condivisione e un’esperienza da non perdere. I bagni possono essere divisi uomo e donna, oppure misti, e ci sono delle regole da rispettare per entrare nelle calde acque.

Eccone alcune:

  • Alle vasche si accede solo senza indumenti, ad eccezione dei bagni misti, dove si entra coperti solo da un asciugamano.
  • Prima di entrare nelle vasche bisogna essersi già lavati di tutto punto, perché le acque dei Kami non possono essere sporcate.
  • In molti Onsen è vietato entrare se si hanno dei tatuaggi, perché in Giappone questa usanza è legata alla Yakuza (mafia giapponese).
 

Il sincretismo religioso e il Kumano Kodo

Contrariamente a quanto comunemente si pensi, il Giappone non è un paese prevalentemente buddhista o Shintoista. Tutt’altro: l’ateismo è largamente diffuso tra tutte le fasce della popolazione, e non esiste quella che si possa definire una religione ufficiale. Tuttavia le tradizioni religiose sono ancora presenti e percepibili e, quali che siano le credenze, il buddismo e le divinità shintô coesistono in un Pantheon composito e dalle mille divinità.

Non è raro, infatti, trovare nei templi buddisti la presenza dei simboli scintoisti. I giapponesi si votano al Buddha o chiedono protezione ai Kami (divinità shintô) con lo stesso rispetto e disinvoltura. La religione giapponese si basa piuttosto su un insieme di credenze, è il risultato di una condivisione di scuole, correnti, rituali e tradizioni. Tra tutte indubbiamente lo scintoismo è quella più viva e suggestiva, soprattutto in alcune zone del Giappone, come accade a Kumano.

L’antica via di Kumano (Kumano Kodo) è la rete di antichi itinerari di pellegrinaggio che collega tre famosi, antichi santuari scintoisti di questa zona: Kumano Hongu Taisha, Kumano Nachi Taisha e Kumano Hayatama Taisha (detti Kumano sanzan). Un tempo gli itinerari erano percorsi da singoli pellegrini, ma anche da intere corti imperiali che si mettevano in marcia per compiere riti di purificazione. Kumano è considerato un luogo sacro, la dimora degli dei, e ancora oggi rappresenta una meta sempre piú ambita per il turismo religioso e spirituale.

Molti dei percorsi, in particolare quelli costieri, sono andati perduti; altri si possono ancora percorrere. Lungo il cammino si incontrano le testimonianze di quello che la via di Kumano è stata per molto tempo: un tracciato lastricato di pietre, ormai sconnesse e ricoperte di muschio, certo, ma anche un percorso punteggiato di piccoli santuari, locande o case che servivano il tè ai pellegrini: edifici e luoghi dei quali oggi, compiendo il pellegrinaggio, troverete ancora molte vestigia, o anche solo una semplice iscrizione che li ricorda. 


Viaggio in Giappone con Veratour

Il Giappone è un paese meraviglioso da visitare, incredibilmente moderno sotto tanti punti di vista e tuttavia in grado di conservare gelosamente le tracce e le tetimonianze della sua storia e del suo retaggio. Tra i paesi del mondo e dell'Estremo Oriente è davvero unico, e comunque la si pensi è impossibile restare indifferenti al fascino delle tradizioni giapponesi.

Altre curiosità sulla cultura e sulle tradizioni nipponiche? Nell'articolo del nostro Magazine dal titolo La cucina giapponese: non solo sushi e sake ti guidiamo alla scoperta degli ingredienti, dei piatti e delle usanze giapponesi in fatto di cibo e pasti. Negli approfondimenti 10 cose che (forse) non sapevi sul Giappone e Il Sumo, lo sport nazionale giapponese scoprirai tante altre curiosità sulle tradizioni e sulla particolarissima cultura del "paese del sol levante". Nell'articolo del nostro Magazine dal titolo Tokyo, speciale Nightlife: le Izakaya e i migliori Rooftop Gardens passiamo in rassegna i quartieri più trendy e frequentati e i luoghi più cool per gli aperitivi a Tokyo, mentre nell'articolo Cosa vedere a Kyoto con i viaggi Veratour ti facciamo scoprire la capitale culturale del Giappone e le sue attrazioni più famose attraverso le escursioni Veratour.


 

I viaggi Veratour in Giappone ti consentono di conoscere a fondo questa terra e vivere tantissime esperienze che ti faranno apprezzare fino in fondo lo spirito e la cultura tradizionale giapponese, grazie ai nostri servizi organizzati e alla profonda conoscenza di questa destinazione dove da soli può risultare particolarmente difficile non solo viaggiare, ma anche solo comunicare o chiedere una banale informazione. Affidati alla nostra professionalità, scopri con Veratour il meglio del Giappone!

 

Articoli Correlati
Cultura Curiosità Estremo Oriente - Giappone
Cose curiose sulle tradizioni nipponiche: molte di queste siamo pronti a scommettere che non le avevi mai lette o sentite!
01.06.2021
Cultura Gastronomia Estremo Oriente - Giappone
Scopri i cibi, le bevande e le tradizioni culinarie nipponiche: pesce crudo, riso e verdure, sake e whisky, e l'antica arte del Bento
03.06.2021
Appuntamenti Focus Estremo Oriente - Giappone
I luoghi del Sumo e i lottatori mitici, i ristoranti Chanko Nabe, lo stadio Ryogoku e il quartiere del periodo Edo
04.06.2021