Open main menu
Open main menu
Home magazine La storia di Fuerteventura

La storia e le feste tradizionali di Fuerteventura

Canarie e Baleari - Fuerteventura - Veraclub Tindaya - 27.08.2021

Scopri con noi la storia dell'isola e le feste più caratteristiche per conoscere da vicino la tradizione e cultura locale

Contenuti


Fuerteventura: bellezza e tradizione

Tra le sette isole che formano l’arcipelago delle Canarie, Fuerteventura è senza dubbio una delle più famose. E’ considerata un’oasi di pace e calma, un paradiso per gli amanti del mare e della natura. Vanta tantissimi luoghi naturali protetti con palme, cactus, tamerici e aloe vera che dipingono un paesaggio meraviglioso nel quale si perde il blu intenso del mare, il bianco delle sue spiagge e il rosso delle rocce di origine vulcanica.

Rispetto alle “sorelle” è quella che offre meno mondanità ed è riuscita a favorire lo sviluppo del turismo alberghiero mantenendo però intatte le aree naturali, i monumenti culturali e le tradizioni dell’isola. Il primo albergo fu costruito soltanto nel 1965 e proprio questi sono gli anni che segnano un profondo cambiamento nella storia di questa isola. Una storia che parte da lontano e che catturerà il tuo interesse.


La storia dell'isola

I primi ad abitare questa terra straordinaria furono dei colonizzatori nordafricani, le tribù beduine dei Guanches intorno al 3.000 a.C. Dalle scarpe che questi indossavano, realizzate in pelle di capra e chiamate ”mahos” deriva il nome Maho che ancora oggi indica gli abitanti originari. Si suppone allevassero bestiame e vivessero in caverne, piccole capanne o case semi sotterranee. Alcune di queste sono state scoperte e riportate alla luce e al loro interno sono stati ritrovate pitture rupestri, resti di vasellame e alcuni strumenti antichi. Ciò che è accaduto sull’isola fino al 1200 circa rimane nascosto nella storia, in quanto non ci sono testimonianze.

Nel XIV secolo l’isola è la patria dei cercatori d’oro e dei cacciatori di schiavi e comparve per la prima volta in una mappa nel 1339 grazie al cartografo Angelino Dulcert. Nell’anno 1404, dopo aver preso Lanzarote, il nobile normanno Jean de Béthencourt entrò nell’isola e la conquistò. Si narra che il suo nome derivi dalla sua esclamazione: ”Quelle forte aventure!”, mentre un’altra teoria vorrebbe che stia semplicemente a significare ”vento forte". Deriva però, sicuramente da lui, il nome della prima capitale dell'isola: Betancuria.

Il  conquistatore normanno trovò Fuerteventura divisa nei due regni Jandia e Maxorata. La linea di confine originale correva non lontano dall’attuale parco eolico della Costa Calma, si pensa potrebbe essere la parte di un muro di pietra visibile ancora oggi ma molti invece sono concordi nell'affermare che della Pared (così veniva chiamato) non sia rimasto nulla. Gli spagnoli sconfissero i due regni e dal giuramento feudale pronunciato davanti al re spagnolo nel 1412, l’isola fa parte del territorio della Spagna.

Qualche anno dopo la conquista, nel 1424, a Betancuria venne eletto il Vescovado di Fuerteventura con sede nella parrocchia di Santa María de Betancuria, che comprendeva tutte le isole Canarie tranne Lanzarote. Il Vescovado ebbe vita breve, solo 7 anni dopo venne abolito e il suo territorio tornò sotto la giurisdizione della Diocesi di Lanzarote. Nel 1476 Fuerteventura finì sotto il controllo dei Re Cattolici e la maggior parte della popolazione guanches, originaria dell'isola, sparì decimata da schiavitù e malattie. Gli eredi degli ex conquistatori non avevano però vita facile, la solitudine e la terra arida portarono infatti molte persone a lasciare l’isola e a stabilirsi altrove.

Nel XVII e XVIII secolo, inoltre, Fuerteventura fu sempre più afflitta dai pirati. Per questo motivo furono costruite le torri di fortificazione El Cotillo e Caleta de Fustes. Alla fine del XVIII secolo a Fuerteventura vivevano circa 10.000 persone. Le cronache raccontano di una vita dura, funestata da siccità e grami raccolti.

Durante il XVIII secolo Fuerteventura venne anche occupata da una milizia militare chiamata Los Coroneles, sotto il comando della famiglia Sánchez-Dumpiérrez. Questi costruirono uno dei più importanti edifici dell’isola, la Casa de Coroneles, un vero e proprio distretto militare. Se vuoi saperne di più, ti consigliamo di leggere l'articolo del Magazine Cosa vedere a Fuertventura: 10 posti da non perdere, troverai dettagli su questo luogo e un gran numero di informazioni e suggerimenti per visitare le tante bellezze dell'isola.

Nel 1812 la Spagna mise in atto una serie di cambiamenti amministrativi e l’isola divenne Provincia Spagnola delle Canarie. Nel 1860 i poteri amministrativi di Fuerteventura vennero spostati a Puerto Cabras, l'attuale Puerto del Rosario, nuova capitale dell'isola. A metà del XIX secolo, le Isole Canarie vengono dichiarate zona di libero scambio e ciò favorisce per Fuerteventura un boom economico. Nel 1927, insieme alla vicina Lanzarote, entra a far parte della provincia di Las Palmas.

Gli anni ’60 segnarono un profondo cambiamento per Fuerteventura. Infatti, a seguito della costruzione dell‘aeroporto del Matorral, molti degli abitanti lasciarono l’isola alla volta della Spagna o dell’Africa, ma contemporaneamente iniziò anche il turismo. Ed è proprio il turismo la principale attività su cui si basa l’economia attualmente. Gli ultimi anni hanno trasformato l’aspetto di Fuerteventura, grazie alla costruzione dei grandi hotel e delle strutture destinate ai viaggiatori di tutto il mondo. Ciò che ti colpirà però sarà proprio la conservazione delle aree naturali, delle tradizioni e di un’atmosfera tranquilla e lontana dalla frenesia della modernità.


Le feste tradizionali

Anche nell’isola del relax e della pace non mancano eventi ricchi di divertimento e che regalano una esplosione di gioia e colori. Te ne vogliamo segnalare due che a nostro avviso racchiudono tutti questi elementi, ma soprattutto mantengono un forte legame con la storia, la tradizione e la cultura dell’isola.


1. Il Carnevale di Fuerteventura

Tutti ormai sono concordi nel definire il Carnevale come una festa pagana precedente al Cristianesimo, i cui riti e costumi furono assimilati soltanto in seguito e adattati alla religione. E' poi pressoché certo che si trattava di feste durante le quali si infrangevano le norme e i requisiti sociali prestabiliti, diventando espressione di libertà, allegria e sregolatezza. Questa festa è in tutto il mondo sinonimo di allegria e divertimento e a Fuerteventura, come nel resto delle isole Canarie, il carnevale e i suoi festeggiamenti sono un evento da non perdere! È molto probabile che nel XVI secolo, questa festa giunse nelle isole canarie per mano di spagnoli e portoghesi che facevano scalo sull'isola durante i loro viaggi verso il Nuovo Continente e le colonie americane.

Per un anno intero la popolazione di Fuerteventura si prepara in attesa del Carnevale. Ogni città dell’isola ha il suo carnevale che comprende attività culturali, sportive, musicali e che culmina con la sfilata di bellissimi carri. Le date del Carnevale di Fuerteventura vengono solitamente annunciate qualche mese prima dell’evento, che si svolge abitualmente tra i mesi di febbraio e marzo.

Ogni comune dell’isola sceglie un tema e ogni gruppo si presenta nelle sfilate con diversi tipi di costumi basati ovviamente su di esso, e qui la fantasia e l’inventiva la fanno da padrona. Anche ogni carro rappresenta un tema ed è accompagnato da musica, ballerini e gente in festa. E’ durante le serate che hanno luogo le manifestazioni più affascinanti, il cui apice si raggiunge nel fine settimana tra colori, musica, balli e divertimento fino all’alba: uno spettacolo che sembra non voler finire.

Nella capitale dell’isola, Puerto del Rosario, i festeggiamenti culminano nel week end con la manifestazione chiamata Los Achipencos durante la quale i carri si trasformano in zattere e partono per una sfilata marina che dura per tutta la domenica, ovviamente condizioni del mare permettendo.


2. Festa  “Dia de San Buonaventura"

Nel 1416 venne fondato a Betancuria, da parte dei frati francescani, il convento intitolato a San Buenaventura, che da allora è divenuto il santo patrono della città. Proprio a lui è dedicata La Festa del Dia de San Buenaventura di Fuerteventura, che si celebra il 14 di luglio proprio nella città di Betancuria, ex capitale dell’isola. Nel corso di questa giornata, nella quale si rende omaggio al patrono, il sentimento religioso si unisce al folclore locale dando vita ad uno dei più caratteristici fra gli eventi dell'isola.

Così come caratteristica è La Romeria della festa, che significa pellegrinaggio; un corteo/processione che si snoda per le vie della città tra gli abitanti in tipico costume canariano. Al lato sacro dell'evento si affianca anche quello più pagano, grazie a gruppi di suonatori ambulanti conosciuti come "Rondalla" che accompagnano il corteo, ai mercatini artigianali, a gruppi folk e persino alle parate militari. Il giorno della Festa del Dia de San Buenaventura di Fuerteventura si esibiscono anche le varie scuole di danza di tutta l’isola e hanno luogo diverse manifestazioni sportive come le partite di calcetto, con tornei dalle formazioni più improbabili!

Se sei in vacanza a Fuerteventua in questo periodo, non perdere questa occasione, fatti coinvolgere dall’energia e dalle tradizioni che si respirano e che ti faranno vivere l’aspetto più caratteristico e autentico dell’isola.
 

La tua vacanza a Fuerteventura: dove soggiornare

Per la tua vacanza a Fuerteventura, scegli il Veraclub Tindaya, affacciato sulla bellissima spiaggia nella zona Costa Calma, potrai rilassarti in un ambiente elegante e immerso in una atmosfera di relax e divertimento, "coccolato" da uno staff cortese e professionale

L'isola offre tantissimo e se sei un appassionato di mare e attività balneari ci sono spiagge davvero per tutti i gusti: da quella dove praticare surf, a quella riparata di sabbia fine, a quella nera tipica delle zone vulcaniche. Per aiutarti nella scelta, ti consigliamo di leggere nel nostro Magazine Le spiagge più belle di Fuerteventura, e se sei anche un appassionato di fauna marina e immersioni non perderti tutte le informazioni e i suggerimenti dell'articolo La fauna marina e i punti di immersione più belli di Fuerteventura

Il villaggio, poi, sarà il luogo ideale a cui tornare dopo le tue fantastiche escursioni per gustare i piatti della cucina internazionale preparati con materie prime di altissima qualità e godere appieno la tua vacanza grazie ai servizi e al comfort che Veratour riserva ai suoi clienti.

Articoli Correlati
Consigli di viaggio Natura Canarie e Baleari - Fuerteventura - Veraclub Tindaya
Scopri i 10 posti da non perdere a Fuerteventura: Las Islas de los Lobos, i parchi naturali di Corralejo e Jandía, Betancuria e Antigua
25.08.2021
Focus Natura Canarie e Baleari - Fuerteventura - Veraclub Tindaya
La ricchezza unica dei fondali di Fuerteventura e le immersioni più belle per visitarli
26.08.2021
Spiagge Fuerteventura - Veraclub Tindaya
In vacanza alle Canarie alla scoperta delle spiagge più belle e famose di Fuerteventura: da Jandìa a Corralejo, da Cofete a Morro Jable.
02.09.2020