Open main menu
Open main menu
Home magazine Sudafrica arte, cibo e vigneti

Viaggio in Sudafrica: arte, cibo e vigneti nei dintorni di Città del Capo

Africa Australe - Sudafrica - 03.08.2021

La destinazione giusta per gli amanti dell'arte, delle esperienze culinarie da veri gourmet e delle visite a vigne e cantine: ecco le "dritte" giuste per il tuo viaggio in Sudafrica

Contenuti
 

La "Città Madre", un mix di influenze tutto da vivere

Città del Capo gode di una posizione particolarmente scenografica, in un contesto naturale molto particolare. Ma la sua posizione è anche geograficamente strategica: è infatti situata praticamente all’estremità dell’Africa meridionale, questo nella storia ha fatto sì che Cape Town assorbisse un mix variopinto di influenze comprendente quella francese, olandese, inglese e malese, nonché quella riconducibile alla popolazione indigena.

Oggi Cape Town è orgogliosa di essere la seconda città più grande del Sudafrica e una delle mete turistiche più ambite al mondo. Per una panoramica paesaggistica, niente di meglio che prendere la funivia che porta in cima alla Table Mountain che si affaccia sulla “Città Madre”, soprannome di Cape Town, e sulla costa, rivelando la città in tutta la sua bellezza e diversità.

E riguardo cosa fare in città e nei suoi immediati dintorni, in questo articolo del nostro Magazine troverai un connubio di arte, posti dove provare la gastronomia locale e vigneti dove recarti per una bellissima visita con annessa degustazione degli ottimi vini sudafricani. Molte di queste attività sono prenotabili con le nostre escursioni, che ti forniranno i migliori servizi per vivere appieno tutte le opportunità offerte da questa città così magica!


Incontro con l'arte: il Zeitz MOCAA

Uno dei luoghi più moderni e iconici di Città del Capo sorge tra il porto vittoriano e la Table Mountain. Stiamo parlando del vecchio Grain Silo Complex, che negli anni Venti del secolo scorso fungeva da deposito di grano di tutto il Sudafrica e dal 2017 è sede del più grande museo al mondo dedicato all’arte contemporanea africana e alla sua diaspora.

L'edificio museale è stato progettato da Thomas Heatherwick su commissione del collezionista d’arte Jochen Zeitz, ex-amministratore delegato della Puma e collezionista d’arte contemporanea africana in partnership con la società V&A Waterfront. Costato circa 35 milioni di euro, si è trattato di un grande progetto di riconversione di spazi industriali abbandonati che mette in evidenza la voglia costante della città di rinnovare la sua offerta e offrire ai suoi visitatori un’esperienza unica, diventando un punto di riferimento dell’arte contemporanea africana.

Come spesso accade in questi casi, il museo è di per sé un'opera d'arte moderna ed un'esperienza estetica da non perdere. Gli imponenti silos di cemento, utilizzati fino al 1990 per stoccare il grano, sono stati scavati al loro interno per ricavarne lo spazio curvo e maestoso dell'atrio, da cui si diramano le varie gallerie. Il Museum Of Contemporary Art Africa è oggi un complesso di 9.500 metri quadrati distribuiti su dieci piani, comprendente due alberghi oltre ad un giardino pensile, sale lettura, negozi e ristoranti. Imperdibile!
 

Città del Capo: il paradiso dei buongustai

Cape Town è diventata una destinazione culinaria di prima scelta. Ecco i nostri consigli se siete a caccia di prelibatezze e di esperienze gastronomiche memorabili! A Woodstock, un villaggio apprezzato sia dai viaggiatori sia dalla gente del posto, l’Old Biscuit Mill è un’oasi di sapori. Nella stessa zona, The Test Kitchen è un ristorante gourmet pluripremiato, considerato uno dei migliori del pianeta.

Il sabato mattina poi da non perdere il Neighbourgoods Market, un vivace mercato allestito in un magazzino con le pareti dai mattoni rossi, dove trovare pane artigianale, frutta e verdura biologica, cioccolato, birre locali e molto altro ancora. Per gustare un pranzo raffinato dall’autentico tocco sudafricano, basta fare un viaggio a Khayelitsha assaggiare la cucina “contemporary cool ” di 4Roomed eKasi Culture, ristorante della chef Abigail Mbalo, finalista di Masterchef Sudafrica.

Da esplorare infine le pittoresche strade del quartiere commerciale centrale di Cape Town – come Kloof Street, Long Street o Bree Street – per incontri gastronomici paradisiaci al Bacon on Bree o al Culture Club Cheese, e dove sperimentare la creatività dei baristi sudafricani presso Orphanage Cocktail Emporium o al Mother’s Ruin Gin Bar. 


Stellenbosch e le altre Strade del Vino

Cape Town è il punto di partenza perfetto per una visita nelle Winelands, la famosa regione dei vigneti del Sudafrica. ll vino in Sudafrica vanta una storia di oltre tre secoli e il Paese si colloca nella top 10 dei migliori produttori a livello mondiale. Grazie alle sapienti tecniche di raccolta e fermentazione dell’uva, alla presenza di un clima e di n habitat favorevole alla coltivazione della vite, il vino sudafricano è oggi conosciuto, esportato e apprezzato in tutto il mondo. In Sudafrica, dove sono presenti ben 18 Strade del Vino e oltre 2.000 qualità diverse da degustare, la maggior parte della produzione vinicola ha sede nella zona di Western Cape e, in particolare, nella fascia sud-ovest in prossimità della regione costiera. Vediamo le aree di maggior interesse.


Stellenbosch e la Paarl Wine Route

A soli 35 minuti di auto da Cape Town, Stellenbosch, con le sue 60 tenute vinicole, è considerata la capitale per eccellenza del vino sudafricano. La sua prima Strada del Vino fu inaugurata nel 1971 e si snoda all’interno di una bellissima valle particolarmente adatta alla coltivazione della vite. The Paarl Wine Route, invece, comprende oltre 40 cantine, molte delle quali sono adibite anche alla produzione di beni alimentari locali quali formaggi e olio d’oliva.


Constantia Wine Route

Merita senza dubbio una visita Constantia Wine Route, la più antica Strada del Vino del paese che ospita alcune delle tenute più famose della zona quali Groot Constantia, Klein Constantia e Buitenverwachting. Altre Strade del Vino meno conosciute, ma molto suggestive e degne di nota sono Worcester, Tulbagh, Wellington e Somerset West nel centro della regione di Helderberg.


Worcester, Tulbagh e Wellington,

Strade del Vino più brevi, ma altrettanto affascinanti, includono Worcester e la vicina Tulbagh. Wellington, nascosta in una piccola valle, ospita una dozzina di cantine, mentre Somerset West, al centro della regione dell’Helderberg, produce ottimi vini in una ventina di vigneti. Infine, la celebre Route 62 è la più lunga Strada del Vino al mondo, e si snoda dal Western Cape all´Eastern Cape, passando attraverso caratteristiche cittadine come Oudtshoorn, Langkloof, Barrydale, Montagu, Ashton, Robertson, Ceres, ecc., e offrendo un ampio ventaglio di esperienze: dalle visite delle cantine e delle riserve naturali, ai tour culturali, ai musei e alle attività all’aria aperta


Kokerboom Food & Wine Route

Per gli amanti dei luoghi naturali incontaminati, Kokerboom Food & Wine Route è un’esperienza tutta da vivere e scoprire. Questa Strada del vino si trova nel Northern Cape dove si congiungono i deserti Kalahari e Nama-Karoo e dove il fiume Great Gariep (meglio noto come Orange River) scorre rendendo rigogliose le terre limitrofe, tipicamente aride, e trasformando la zona circostante in una vera e propria oasi verde. È qui che i visitatori possono intraprendere il percorso Kokerboom Route. La route è immersa in una zona arida, caratterizzata da estati calde in cui si raggiungono anche temperature di 45°C e notti invernali fredde. L’Orange River, che un tempo era denominato “Dono di Dio per la sete del Sudafrica”, e la striscia di terra verde che cresce lungo la sua riva creano un panorama naturale in netto contrasto con i picchi rocciosi che vi si innalzano intorno. I sistemi di irrigazione adottati hanno permesso l’estensione della cintura verde nel deserto, rendendo possibile lo sviluppo di ampi terreni destinati alla coltivazione di vigneti e di altre piante. Il dieci per cento dei vigneti del Sudafrica si trova nella valle dell’Orange River e del Kalahari meridionale. Questo itinerario conduce il viaggiatore in una delle zone più suggestive e interessanti della Provincia di Northern Cape e abbraccia le città di Keimoes, Kanoneiland, Kenhardt, Augrabies, Upington e Marchand.


Viaggio in Sudafrica, luoghi ed esperienze

Che tu sia in cerca di arte, buon cibo, vino eccellente e scorci paesaggistici da fotografia, un viaggio in Sudafrica con Veratour soddisferà ogni tua aspettativa. I nostri tour organizzati prevedono nel programma molte esperienze di viaggio memorabili e la visita di posti spettacolari, e puoi sempre decidere di arricchire il tuo soggiorno a Città del Capo con le migliori escursioni organizzate e consigliate da Veratour grazie alla nostra profonda conoscenza della destinazione.

Per maggiore ispirazione, leggi gli altri articoli del nostro Magazine. Viaggio in Sudafrica, 10 posti da visitare è una overview dei posti di maggior interesse che a nostro avviso non dovresti perdere nel tuo viaggio nella Nazione Arcobaleno, mentre lo Speciale Città del Capo: la storia e le 10 attrazioni da non perdere è dedicato in particolare alla storia e alle attrazioni della Città Madre, la splendida Cape Town.

Gli approfondimenti Sudafrica, i 10 migliori parchi e riserve naturali e Safari in Sudafrica, informazioni utili e cose da sapere saranno di sicuro interesse se vuoi sapere di più sull'entusiasmante opportunità di fare un safari nella savana sudafricana per fotografare i celebri Big Five. Se invece sei amante degli sport estremi o del whale watching leggi lo speciale dal titolo Sudafrica, non solo safari: sport estremi e avventure adrenaliniche.

Articoli Correlati
Consigli di viaggio Storia Africa Australe - Sudafrica
La Table Mountain e Robben Island, Kirstenbsch Gardens e il quartiere di Bo-Kaap, Boulders Beach e il Capo di Buona Speranza
02.08.2021
Consigli di viaggio Africa Australe - Sudafrica
La Città Madre e la Garden Route, la regione dei vini e il Mpumalanga, Jo'burg e Soweto, il Kruger e Durban
07.08.2021
Focus Parchi naturali Tour Africa Australe - Sudafrica
Sulle orme dei mitici Big Five: ecco il Kruger e gli altri parchi nazionali e riserve per emozionanti safari fotografici
04.08.2021