Open main menu
Open main menu
Home magazine Visitare le isole Eolie

Visitare le isole Eolie con le escursioni Veratour

Calabria - Italia - Veraclub Borgo di Riaci - Veraclub Scoglio della Galea - 16.11.2021

Appartengono alla Sicilia, ma sono facilmente raggiungibili anche dalla costa tirrenica della Calabria. Scopriamo insieme le isole Eolie, un arcipelago dal patrimonio naturale unico e dal fascino indiscusso.

Contenuti


Le sette perle del Mediterraneo 

Costituito da sette isole, dette anche Lipari, alle quali si aggiungono numerosi isolotti e scogli, questo splendido arcipelago si trova a largo della Sicilia settentrionale. Il nome Eolie deriva dal greco Eolo, dio incontrastato dei venti, che aveva la sua dimora sull’isola di Lipari. Le isole vengono citate persino nell’Odissea di Omero, individuate come luogo in cui Eolo diede rifugio ad Ulisse dopo la guerra di Troia per aiutarlo a tornare a casa.

Isola Vulcano vista da LipariLipari, Panarea, Vulcano, Stromboli, Salina, Alicudi e Filicudi, definite anche le sette perle del mediterraneo per il loro indiscusso fascino, attirano ogni anno migliaia di turisti appassionati del mare, ma anche ammaliati dalla bellezza di questi luoghi e del loro eccezionale valore naturalistico e geologico. Disposte a forma di Y, sono tutte di origine vulcanica e ne comprendono due ancora attivi: Stromboli e Vulcano. Le più antiche sono Alicudi e Filicudi, che hanno circa un milione di anni, le più giovani sono quelle attive: Vulcano e Stromboli, con circa centomila anni. Ognuna delle sette sorelle che compone l’arcipelago ha la propria personalità e offre una straordinaria varietà di esperienze.

Lipari, la più grande, “la montagna bianca” perché costituita da pietra pomice. Salina, resa celebre dal Film con Massimo Troisi "Il Postino", già nota anche per i capperi e per la produzione di Malvasia. Stromboli, un vero e proprio gigante nero in attività eruttiva permanente, la cui fiamma di notte è uno spettacolo incredibile. Panarea, la più piccola e glamour e Vulcano, con i suoi laghetti naturali di fanghi caldi. Rimangono poi le due più antiche e incontaminate: la piccola Alicudi, con circa 100 abitanti, un paio di negozi e nessuna strada asfaltata, e Filicudi, leggermente più grande e con qualche servizio in più; ma anch'essa, come Alicudi, è più che altro la meta ideale per chi desidera una vacanza in completo relax, totalmente isolata dai ritmi della vita moderna.

Nei secoli lava e cenere hanno coperto il suolo di queste isole, plasmandole e lasciandoci in eredità tanti reperti dell’età antica ben preservati. Questo è l’ennesimo valore aggiunto di un arcipelago che offre, oltre al mare cristallino, un patrimonio naturale unico, caratterizzato dal fascino dei vulcani che da sempre ammaliano l'uomo, fra timore e meraviglia. Raggiungibili anche dalla vicina Calabria, potrete visitare questo paradiso grazie alle escursioni Veratour a vostra disposizione sia dal villaggio Veraclub Scoglio della Galea sia dal villaggio Veraclub Borgo di Riaci, partendo dal porto di Tropea e con circa due ore di navigazione.


Crociera alle isole Eolie (Stromboli, Lipari e Vulcano)

Una intera giornata alla scoperta di queste bellissime isole. A bordo della motonave nel corso delle due ore di navigazione le guide ti racconteranno la storia e tante interessanti curiosità su questo arcipelago. Prima tappa Stromboli, poi Lipari e infine Vulcano. La distanza che le separa è piuttosto breve ed è sicuramente un'esperienza da non perdere navigare in questo angolo di paradiso, con paesaggi sapientemente lavorati dal tempo e da madre natura, fondali meravigliosi, grotte, splendide spiagge e affascinanti baie. Se sei fortunato, potresti anche imbatterti in un gruppo di delfini che giocando con la scia della motonave ti accompagneranno con i loro salti e le loro piroette, un’emozione unica!


Stromboli, il faro del Tirreno

E' la più orientale delle isole Eolie. Il suo nome deriva dal greco antico Στρογγύλη (rotondo) per via della sua forma e in dialetto siciliano ancora oggi con il nome "strummulu" si chiama la trottola. Conosciuto anche come "il faro del Tirreno", è l’unico vulcano europeo in attività eruttiva permanente e offre lo stesso incredibile spettacolo di fuoco da quando si hanno testimonianze storiche; i suoi bagliori di notte si scorgono anche a grande distanza. Abitata dall’età del bronzo, oggi l'isola di Stromboli conta circa 500 abitanti ma negli anni 30 raggiunse la massima espansione demografica con circa 5.000 abitanti. Negli anni '40 fu il set di un film di Roberto Rossellini con Ingrid Bergman, ciò contribuì a dare una spinta turistica a questa isola che affascina tutti con i suoi profumi, colori e l’atmosfera unica che le conferisce il vulcano e la sua peculiare conformazione.

Isola di StromboliI centri abitati sono: Fico Grande, San Vincenzo, Piscità e Ginostra, quest'ultimo un piccolo villaggio piccolissimo. Approdati a punta Scari, ci si trova di fronte ad alte scogliere tra piccole spiagge di sabbia nera e un mare azzurrissimo che contrasta con le case bianche e il verde della vegetazione mediterranea. Uscendo dal porto c’è la strada che porta al centro abitato di San Vincenzo: una salita ripida costeggiata dal verde dei fichi d'India, delle piante dei capperi e dal rosa e rosso di bouganville e gerani. Nelle strette stradine del borgo si trovano negozietti di souvenir, botteghe tipiche, boutique e anche ristorantini e bar dove è possibile degustare le delizie locali. Da piazza San Vincenzo, che prende il nome dalla omonima chiesa dalla quale si gode un bellissimo scorcio panoramico del porto, della spiaggia di Scari con i suoi ciottoli lavici, e di Strombolicchio, il vulcano più vecchio delle Eolie, oggi uno scoglio alto circa 56 metri su cui si erge unicamente un faro tuttora in funzione.

StrombolicchioProprio a Piazza san Vincenzo sarà facile imbattersi in escursionisti super attrezzati e con abbigliamento tecnico, da qui infatti partono le escursioni per salire sul vulcano. Percorrendo i sentieri, obbligatoriamente accompagnati dalle guide, si raggiunge la massima quota autorizzata di 400 metri, da dove ammirare l’attività stromboliana del vulcano.


Lipari, la montagna bianca

E’ la più grande e densamente abitata (circa 10.000 persone) dell’arcipelago, i greci la chiamavano “Lipara” che vuol dire brillante, fertile; le sue coste erano conosciute fra i pescatori come particolarmente generose di pesca e di frutti. La cosa che più di tutti caratterizza Lipari è la distesa bianca dei giacimenti di pomice. Un ulteriore motivo che la rese famosa nell’antichità è sicuramente l’Ossidiana, un vetro naturale molto tagliente che veniva utilizzata per la fabbricazione di utensili e armi ed esportata in tutta l’area del bacino mediterraneo.

Cave di pomemiche LipariL’isola è un vivace dedalo di vicoli, dove perdersi per godere appieno delle sue bellezze. Via Garibaldi, Corso Vittorio Emanuele, il Castello, le chiese, Marina Lunga, Marina Corta, bar, ristoranti, punti panoramici e poi il fascino del suo villaggio preistorico e la bellezza del Duomo, la Basilica di San Bartolomeo. Questo è l’edificio più importante dell’isola, principale luogo di culto dell’arcipelago. Alla prima costruzione pagana nel periodo greco, seguirono diverse riedificazioni come quella araba del 838, quella normanna del 1130 e quella contemporanea del 1861. Attiguo al duomo troviamo anche il bellissimo Chiostro Normanno. Voluto fortemente da Duca Ruggero D'Altavilla II intorno al 1131, conserva testimonianze della storia antica dell’isola. E’ stato infatti edificato, come succedeva spesso in epoca medioevale, utilizzando le pietre provenienti dalle fortificazioni greche e da altre costruzioni di epoca bizantina-romana. Da non perdere anche il Museo archeologico della città dove si può ripercorrere la storia e lo sviluppo delle civiltà che hanno vissuto e prosperato su questa isola dalla preistoria all’età moderna.

LipariDi notevole interesse turistico è anche il giro in barca intorno all'isola, da qui potrai ammirare le sue splendide spiagge di sabbia o di ciottoli tutte caratterizzate dalle uniche atmosfere vulcaniche e lambite da acque cristalline. Una di quelle più suggestive ed imponenti è la Spiaggia Bianca che si trova in una zona dell’isola dove in passato si trovavano fabbriche di estrazione di pietra pomice e ossidiana. Proprio grazie a questo si è creata la spiaggia, fatta di sassolini bianchi e frammenti di ossidiana nera circondata da un mare di un azzurro intenso.


Vulcano, fumarole e zolfo

Chiamata anticamente Hiera (sacra) perché sacra al dio Vulcano, dal quale ereditò anche il suo nome attuale, dal punto di vista geologico l’isola è formata da 4 vulcani di cui però solo uno, Vulcanello della Fossa, è rimasto in fase fumarolica.

Isola VulacanoArrivati sull’isola, la sensazione è quella di stare in un posto unico, un ambiente a tratti surreale tra rocce scure dal profilo aspro in cui il protagonista assoluto è il vulcano, che fa sentire la sua presenza con fumarole e odore di zolfo misto a quello della vegetazione tipica mediterranea. La parte settentrionale è dominata dal grande cratere; diverse sono le piscine di fango e lo sorgenti calde che sgorgano in vari punti dell'isola anche dal mare e che affascinano chi la visita. Per gli amanti del trekking, è possibile in poco più di un’ora raggiungere la vetta grazie ad un sentiero che porta fino a 391 metri sul livello del mare.

Vulcanello della FossaNella zona di Porto di Levante ci sono altre manifestazioni di natura vulcanica: fanghi bollenti e soffioni caldi, usati soprattutto nella cura della pelle e delle forme reumatiche. Ma una delle cose che ti rimarranno impresse è sicuramente l'affascinante spiaggia nera che con le acque limpide crea un effetto cromatico unico: la famosa Baia Negra, raggiungibile con una passeggiata di pochi minuti, ti aspetta per un bagno che non potrai dimenticare. Consigliato anche fare visita al paesino ricco di negozi, bar e localini dove gustare le tante bontà tipiche di queste terre.


Panarea e Stromboli by night

Una giornata alla scoperta della bellissima Panarea e una visita a Stromboli per ammirare con il buio le spettacoli esplosioni del vulcano.


Panarea, Vip e glamour

E' l'isola più piccola dell'arcipelago con una superficie di soli 3 kmq. Considerata da molti la più bella, è frequentata prevalentemente da chi è in cerca di una vacanza glamour e da molti Vip, che trascorrono qui i mesi estivi fra giornate su yacht e aperitivi sdraiati fronte mare nei locali più “cool“ dell’isola. Arrivando al porto, ci si trova di fronte alla bellezza di questa piccola e curatissima isola. Un dedalo pittoresco di vicoli, con le classiche casine bianche e basse punteggiate da bouganville coloratissime, affacciate su un mare turchese. Un vero e proprio dipinto creato dalla natura, a cui fanno da cornice i vicini isolotti di Lisca Bianca, Lisca Nera, i Panarelli e le Formiche.

PanareaMa Panarea non è solo glamour, è anche molto altro; vanta ad esempio uno straordinario patrimonio archeologico. Abitata già a partire dal XIV secolo a. C., vi troviamo segni della dominazione greca, dell’impero romano, bizantino e poi arabo. Diversi inoltre sono i sentieri che portano sulla vetta dell’isola (421 metri) e che svelano la Panarea più autentica: quella agricola, coltivata prevalentemente a viti e olivi, oggi scomparsi quasi del tutto, di cui restano però i terrazzamenti, i muri a secco e il paesaggio stupendo tutt’attorno.

Baia di PanareaAnche gli amanti delle spiagge troveranno tanto fra cui scegliere per rilassarsi e godersi il sole: da quelle sabbiose, a quelle semi desertiche a quelle di origine vulcanica. Un giro in barca per scoprirle tutte è assolutamente da non perdere!


Stromboli e la "sciara di fuoco"

Chiesa di San Vincenzo FerreriLa bellezza di un pomeriggio a Stromboli; una passeggiata fra le viuzze del suo borgo fino ad arrivare a piazza San Vincenzo, cuore dell'isola, dove troviamo l'omonima Chiesa, posta sulla sommità panoramica del centro abitato da cui si gode uno splendido tramonto. Nelle vicinanze è possibile visitare anche la casa dove soggiornò la famosa Ingrid Bergam nel 1949, per le riprese del film "Stromboli terra di Dio" di Roberto Rossellini.

Sciara di Fuoco StromboliMa il meglio Stromboli lo offre quando il sole tramonta e cala il buio sulla terra e sul mare. In barca, circumnavigando l’isola si può sostare in prossimità della "sciara di fuoco", ovvero le distese di lava che si incanalano lungo una strada scoscesa verso il mare. Rimarrai a bocca aperta: getti di fuoco rosso-arancione che si stagliano nel buio della notte, massi incandescenti che fuoriescono prepotentemente dal cratere e che in aria esplodono in una miriade di frammenti luminosi: questo è senza dubbio uno spettacolo tra i più suggestivi della natura. Stromboli by night è indiscutibilmente una delle 8 cose da fare durante la tua vacanza in Calabria.


Dove soggiornare

La Calabria è senza dubbio una regione straordinaria della nostra Italia che ci regala fra gli altri, uno dei capolavori conosciuti in tutto il mondo: i Bronzi di Riace. Se vuoi saperne di più ti consigliamo l'articolo Reggio Calabria, al cospetto dei Bronzi di Riace.  Se, invece, vuoi approfondirne la conoscenza di questa splendida terra , ti consigliamo di leggere l'articolo  La storia della Calabria e i piatti tipici della cucina calabrese. Per la tua vacanza, puoi scegliere di soggiornare nelle due meravigliose strutture Veratour sulla costa degli Dei, vicino alla famosa Tropea, dalle cui coste è raggiungere l'arcipelago delle Eolie.

Il Veraclub Scoglio della Galea, con la sua posizione panoramica, sorge a poca distanza da Capo Vaticano, rinomatea per le bellissime spiagge della Costa degli Dei.  Il villaggio curato in tutti i dettagli e immerso nel verde, è garanzia di un soggiorno degno delle tue più ambiziose aspettative, cibo di ottima qualità, pulizia, professionalità e cortesia e tutti i servizi e i comfort che desideri. 

Il Veraclub Borgo di Riaci direttamente sulla spiaggia sabbiosa di Riaci, lambita da acque meravigliose, ti accoglie in un contesto bellissimo, con la sua falesia di roccia che sembra abbracciarti e caratterizza l'ambiente intimo e tranquillo per chi cerca una vacanza di relax e tranquillità. Il Veraclub è vicinissimo alla splendida Tropea che non puoi non visitare. Scopri tutto il suo fascino leggendo l'approfondimento Visitare Tropea: il centro storico e l'Isola Bella, le spiagge e le cipolle rosse

La Calabria targata Veratour ti aspetta, corri a prenotare per godere delle tante bellezze di questa terra approfondite nell'articolo del nostro Magazine  Cosa vedere in Calabria: le escursioni consigliate.

Articoli Correlati
Consigli di viaggio Escursioni Calabria - Italia - Veraclub Borgo di Riaci - Veraclub Scoglio della Galea
Alla scoperta delle meraviglie della Calabria con le escursioni Veratour: Pizzo e Capo Vaticano, Reggio Calabria e Scilla, Tropea e le isole Eolie
27.01.2021
Cultura Gastronomia Spiagge Calabria - Italia - Veraclub Borgo di Riaci - Veraclub Scoglio della Galea
La meravigliosa Tropea: gli affacci e i palazzi, il Santuario dell'Isola e Marina di Tropea, i divertimenti e le specialità gastronomiche.
26.10.2020
Consigli di viaggio Calabria - Italia - Veraclub Borgo di Riaci - Veraclub Scoglio della Galea
Un bagno a Praia i Focu, un selfie dagli affacci di Tropea, vedere da vicino la sciara di fuoco, gustare il Tartufo nelle stradine di Pizzo
22.11.2021